Cura le recidive dell’Herpes genitale con i rimedi naturali

3993
0

 Se il tuo Herpes genitale ritorna di frequente e ti provoca una profonda frustrazione, non pensi che sia giunto il momento di combattere queste recidive che ti stanno distruggendo la vita?

Herpes genitale: cura le recidive con i rimedi naturali
Herpes genitale e rimedi naturali

“Herpes genitale, ma perché è capitato proprio a me?”

Nella  professione di medico, frequentemente arrivano alla mia osservazione dei soggetti (donne e uomini) che hanno contratto un’infezione erpetica a livello dei genitali.

Devo onestamente anche dire che, se questa infezione viene contratta da una coppia (fidanzati, sposati, conviventi ecc.), provoca una forte frustrazione in entrambi i soggetti, che il più delle volte sfocia in una forma di terrore e di angoscia.

Ricordati, cara amica, che l’herpes genitale, poiché non esiste una terapia definitiva, è una di quelle patologie in cui la prevenzione gioca un ruolo di primaria importanza.

Bene, fatta questa doverosa premessa, iniziamo subito il nostro cammino.

Herpes genitale: quelle strane vescicole che appaiono improvvisamente

L’herpes genitale è un’infezione virale provocata da un virus molto simile a quello che causa l’herpes labiale.

Infatti, entrambi appartengono al genere Herpes simplex.

In genere, il responsabile della comparsa di questa infezione è l’Herpes simplex di tipo 2 (HSV-2).

L’herpes genitale è una delle infezioni sessualmente trasmissibili più comuni nel mondo.

Benché l’infezione non rappresenti in genere un pericolo per la vita del paziente, tuttavia se essa viene contagiata per la prima volta a una donna in gravidanza, specie in prossimità del parto, vi sono purtroppo elevate probabilità che il virus si trasmetta al neonato, con esiti, qualche volta anche letali.

Una delle ragioni per cui è importante conoscere l’Herpes genitale è legata alla sua crescente diffusione.

Ciò dipende principalmente dal fatto che la maggior parte delle persone che s’infetta non sa di aver contratto l’infezione né di eliminare periodicamente il virus 20 mg cialis.

Quindi per contrastare la diffusione della malattia occorre che ogni individuo sessualmente attivo sia consapevole della possibilità di contrarre l’Herpes genitale.

Ma che cosa è l’Herpes genitale e come viene trasmesso?

E’ una malattia virale che si trasmette da persona a persona durante i contatti sessuali vaginali, anali o orali.

L’infezione è trasmessa dal virus dell’Herpes Simplex (HSV) di cui se conoscono 2 varianti:

  • Herpes simplex tipo 1 (HSV-1) che è responsabile delle infezioni da herpes labiale, orale, nasale e oculare.
  • Herpes simplex tipo 2 (HSV-2) che invece è collegato alle infezioni di herpes genitale e anale.

Nel 90% dei casi l’herpes genitale è causato dallo HSV-2, tuttavia, oggi, vi è un crescente numero di infezioni dell’area genitale che sono favorite dallo HSV-1, a seguito di rapporti oro-genitali.

La porta d’ingresso del virus, è rappresentata quindi dalle mucose dei genitali (maschili e femminili) e della zona anale attraverso cui il virus penetra facilmente.

Cosa succede quando si è infettati dal virus

Solitamente il primo contatto col virus non dà sintomi, ma una volta penetrato nell’organismo, vi rimarrà per tutta la vita.

La prima manifestazione dell’Herpes genitale può avvenire anche dopo anni che il virus è entrato nell’organismo.

Esso rimarrà inattivo e in perfetto equilibrio con le difese immunitarie dell’organismo che lo ospita, ma stimoli di diversa natura, quali febbre, stress emotivi e fisici, mestruazioni, interventi chirurgici, infezioni sistemiche, terapie immunosoppressive, esposizione ai raggi ultravioletti o al freddo, danno luogo alla replicazione del virus e alla sua migrazione verso le mucose.

I soggetti infettati dal virus HSV presentano episodi recidivanti dell’infezione (Herpes genitale recidivante), che a causa della loro frequenza, possono creare per il soggetto ripercussioni di ordine psicologico, oltre che fisico.

Dopo un’incubazione che va da 2 a 20 giorni, la parte infettata comincia a fare prurito e a fare male.

In seguito si svilupperanno delle vescicole che, rompendosi, daranno luogo alla formazione di ulcere che di solito guariscono entro 3 settimane.

Il soggetto può avere un lieve rialzo della temperatura corporea e manifestare un malessere generale.

I segni e i sintomi dell’infezione erpetica genitale variano nella loro intensità a secondo che la malattia si manifesti al primo contatto con lo HSV (sia tipo-1 sia tipo-2) e in questo caso l’Herpes genitale è detto primario, oppure, se l’infezione è dovuta a una riacutizzazione da parte del virus allora, in questo caso, l’Herpes genitale viene detto ricorrente o recidivante.

Herpes genitale primario

L’Herpes genitale primario è un’evenienza rara.

La durata delle lesioni genitali è di circa 2-3 settimane.

All’inizio dell’infezione compaiono febbre, mal di testa, dolori muscolari, sensazione di malessere.

Dopo 3-4 giorni, a livello genitale esterno, iniziano dolore, prurito, perdite vaginali o uretrali, ingrossamento dei linfonodi regionali (inguine) molto dolenti alla palpazione.

Poi inizia a comparire una zona arrossata sulla quale si notano delle vescicole singole che tendono a raggrupparsi, che alla fine del processo, si rompono dando luogo ad ampie ulcerazioni molto dolorose.

Dopo la rottura delle vescicole si ha la formazione delle croste e infine la guarigione.

L’evoluzione dell’infezione, però, può essere accompagnata da varie complicazioni che sono:

  • Faringite
  • Infezione batterica o micotica
  • Complicazioni extra genitali dovute alla diffusione dell’infezione con le dita delle mani in altre sedi quali ad esempio gli occhi, le natiche, le cosce
  • Complicazioni a carico del sistema nervoso centrale,

Herpes genitale ricorrente

Presenta dei sintomi e segni che sono meno gravi rispetto alla forma primaria.

Infatti, di solito i sintomi generali come la febbre sono assenti e le manifestazioni locali sono di modeste dimensioni.

La recidiva, spesso preceduta da bruciore, pizzicore, prurito, è caratterizzata dalle classiche vescicole che sono disposte grappolo.

La durata della malattia in media è di 7 giorni e poi tutto rientra nella norma.

Anche le recidive possono accompagnarsi a disturbi più importanti quali nevralgie nella zona dei glutei e delle gambe, dolore locale molto intenso e disturbi della minzione.

Se esse hanno una cadenza di pochissimi episodi l’anno (1-2), influenzano poco la vita del paziente.

Se invece il loro numero sale fino a osservare un nuovo episodio quasi subito dopo la guarigione del precedente, allora lo stato psicologico del paziente rischierà di subire dei profondi contraccolpi, perché sono pericolosamente compromesse le capacità di relazione sessuale.

Eliminazione virale asintomatica

Con questo termine è indicata la presenza sulle mucose genitali del virus HSV pur in assenza di sintomi o di lesioni visibili dell’infezione.

Questa purtroppo è il modo di trasmissione più rilevante per l’herpes genitale, infatti, si ritiene che fino al 70-80% delle nuove infezioni avvenga durante questa fase.

L’eliminazione virale asintomatica avviene in tutti i pazienti infettati con lo HSV-2.

L’emissione del virus avviene in circa il 15-30% degli uomini e in 30-55% delle donne infette.

La diagnosi sierologia è d’obbligo per comunicare una corretta informazione agli interessati e per ottenere così una riduzione della trasmissione al partner.

Regole basilari di comportamento

Poiché non è possibile sapere quando e dove avverrà l’eliminazione del virus, ma è solo possibile confermare con certezza che accadrà in tutti i soggetti infettati, saranno fondamentali alcune regole di prevenzione per ridurre il rischio di trasmissione.

E’ fondamentale che il soggetto infetto:

  • Avverta il partner del suo stato infettivo
  • Riconosca e si astenga dall’attività sessuale durante una recidiva
  • Utilizzi il preservativo di lattice durante ogni tipo di attività sessuale

I rimedi naturali consigliati per combattere le recidive

Omeopatia

Il trattamento omeopatico interviene in modo diverso rispetto alla terapia consigliata dalla medicina ufficiale.

Infatti, i rimedi non agiscono solo sulla sintomatologia, ma consentono di evitare la manifestazione erpetica, di ridurne la durata e di prevenire la recidiva.

I rimedi omeopatici i più indicati sono:

  • Rhus toxicodendron 5CH
  • Mercurius solubilis 5CH
  • Borax 5CH
  • Natrum muriaticum 5CH
  • Croton tiglium 5CH
  • Sarsaparilla 5CH

Fitoterapia

I rimedi di fitoterapia consigliati sono:

  • Macerato glicerico di Ribes nigrum
  • Macerato glicerico di Junglans regia
  • Macerato glicerico di Ulmus campestris

Oligoelementi

Sono sempre da abbinare ai trattamenti fitoterapici:

  • Rame-oro-argento
  • Manganese-rame

Oli essenziali

Sono utilizzati nel trattamento locale delle vescicole:

  • Olio essenziale di eucalipto
  • Olio di timo rosso
  • Olio di geranio
  • Estratto fluido di Hamamelis

Rhus Toxicodendron 5CH

Per la cura dell’Herpes genitale è indicato Rhus Toxicodendron.

Ti consiglio di assumere 4 granuli per 3 volte al giorno fino al miglioramento dei sintomi.

Mercurius solubilis 5CH

Quando le eruzioni dell’Herpes genitale tendono alla suppurazione e all’ulcerazione, sono trattate con Mercurius solubilis.

Le lesioni generano un forte prurito che peggiora la notte.

Ti consiglio di utilizzare questo rimedio naturale sempre in associazione con Rhus Toxicodendrum.

Assumi 4 granuli per 3 volte al giorno fino a quando il dolore e il bruciore scompaiono.

Borax 5CH

Borax si prescrive quando l’herpes genitale si manifesta con piccole vescicole brucianti contenenti un liquido biancastro.

Il soggetto alterna depressione a irritabilità.

Prendi 3 granuli per 4 volte al giorno fino alla remissione della recidiva.

Natrum muriaticum 5CH

E’ utilizzato Natrum muriaticum quando l’herpes genitale compare soprattutto intorno all’ano e le recidive sono scatenate da esposizione al sole, da stress, febbre e affaticamento.

Il soggetto è fortemente depresso.

Nella donna la depressione si aggrava prima delle mestruazioni.

Somministrati 4 granuli per 4 volte al giorno fino a quando la recidiva non scompare.

Croton tiglium 5CH

E’ utilizzato quando sono presenti delle ulcere genitali che contengono un liquido inizialmente trasparente e in seguito purulento.

In questo caso il prurito nella zona è molto forte, ma il paziente teme di grattarsi poiché la pelle è ipersensibile e il contatto provoca un forte dolore.

Assumi 3 granuli per 4 volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi.

Sarsaparilla 5CH

La sua somministrazione è utile nelle eruzioni erpetiformi umide localizzate principalmente nella regione genitale accompagnate da prurito generalizzato.

Prendi 3 granuli per 3 volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi.

Macerato glicerico di Ribes nigrum, di Junglans regia, di Ulmus campestris

Questi macerati glicerici puoi somministrarli in tutti i casi di Herpes genitale.

Per la posologia segui il seguente schema:

  • 50 gocce di Ribes nigrum al mattino
  • 50 gocce di Junglans regia dopo pranzo
  • 50 gocce di Ulmus campestris dopo cena

Rame-oro-argento + manganese-rame

Questi 2 oligoelementi devono essere sempre abbinati ai rimedi naturali di Fitoterapia.

Assumi 1 fiala di Rame-oro-argento 3 volte la settimana cui devi alternare 1 fiala di manganese-rame sempre 3 volte la settimana.

Nei periodi di quiescenza è utilizza manganese-rame in ragione di 2 volte a settimana.

 Olio essenziale di eucalipto, di timo rosso e di geranio

Questi 3 oli essenziali vengono usati nel trattamento locale delle lesioni causate da Herpes genitale.

Prendi 3 gocce di ogni olio e uniscile a un cucchiaino di olio di mandorle dolci, metti tutto in una ciotola e applica nelle zone interessate dall’infezione.

Estratto fluido di Hamamelis

Applica l’estratto nella parte interessata.

Conclusioni

Se hai letto l’articolo con attenzione, penso che tu ora capisca quanto sia importante rendere sempre più “conosciuta” questa malattia.

Solo attraverso una completa informazione si renderanno le persone consapevoli del problema e si potranno dettare delle semplici regole per un comportamento corretto.

Ti voglio ricordare che le informazioni e le indicazioni che hai trovato nell’articolo non intendono e non vogliono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra medico e paziente.

È pertanto sempre consigliato consultare il proprio medico curante o il medico naturopata.

Se hai trovato quest’articolo interessante, fammi un personale favore, condividilo subito con i tuoi amici sui Social Network in cui sei iscritta.

Vedrai che tutti ti ringrazieranno per avere comunicato loro delle informazioni utili per combattere l’infezione da Herpes genitale con i rimedi naturali.

Per quest’articolo è tutto,

Un saluto

Herpes genitale e la cura con i rimedi naturaliP.S.: Vuoi scoprire come sconfiggere le tue patologie più ricorrenti e vivere finalmente in perfetta salute? Scarica subito i 3 ebook gratuiti che ho preparato apposta per te.

Beh, corri subito a scaricarli e approfitta di questa offerta gratuita finché la lascerò disponibile.

Ti basterà compilare un semplice modulo e riceverai automaticamente gli ebook nella tua casella di posta elettronica.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

LASCIA UN COMMENTO