Il cervello e la memoria: ansia e depressione nel soggetto adulto parte 2^

1030
0
Il cervello e la memoria: Ignatia amara

Omeopatia

  1. Argentum nitricum: è principalmente indicato nei soggetti che presentano astenia, affaticamento cerebrale e traumi emozionali; questi pazienti si presentano agitati e frettolosi, tale sintomatologia peggiora di notte e quando si amngiano degli alimenti dolci e invece migliora quando si è fuori. Somministrare Argentum nitricum alla 7CH, 2-3 granuli 2 volte al giorno, fino al miglioramento.
  2. Gelsemium semprevirens: è indicato in quei soggetti che presentano stati di ansia, cefalea, perdita della memoria, insicurezza e insonnia; in questi soggetti la sintomatologia peggiora con le emozioni, anche le più banali, mentre migliora con l’emissione abbondante di urina. Somministrare Gelsemium semprevirens 9CH, 2-3 granuli mattino e sera fino al miglioramento dei sintomi. Se si deve sostenere un colloquio di lavoro oppure un esame, assumere una monodose la sera prima.
  3. Ignazia amara: è indicato nelle sindromi ansioso-depressive e nell’insonnia dovute a traumi affettivi o a lutti; in questi casi il paziente è triste, malinconico, irritabile, poco concentrato su ciò che dve svolgere. Il quadro generale dei sintomi nmigliora facendo distrarre il soggetto e peggiora se si cerca di consolarlo.Somministrare Ignazia amara 15CH, 2-3 granuli al di fino al miglioramento dei sintomi.

Fitoterapia

  1. Fieno greco: può essere associato in tutte le forme ansioso-depressive. Il Fieno greco contiene colina, una sostanza molto importante che nutre il cervello, aumenta quindi la memoria e migliora i processi di elaborazione mentale; inoltre è una piante con azione ricostituiente che da quindi energia e migliora il tono dell’umore. Il Fieno greco si somministra come tintura madre (TM)o come estratto analcolico concentrato 30 gocce diluite in poca acqua 2-3 volte al giorno.

E’ logico che prima di assumere i prodotti è necessario consultare sempre il medico.

Anche la correzione alimentare adeguata risulta utile nei soggetti che soffrono di stati d’ansia e di depressione. Innanzitutto è opportuno precisare che nei distuirbi dell’umore che si accompagnano a riduzione della memoria e della concetrazione, bisogna eleminare o ridurre i dolcificanti e i prodotti derivati dalla farina bianca quindi pasta e pane, fino alla scomparsa dei sintomi. Inoltre devono essere evitate le bevande eccitanti come il caffè e l’alcool, e tutti gli alimenti troppo eleborati come le patatine, crakers, pizze ecc..; è consigliato invece mangiare cibi integrali e non lavorati.

Le sostanza che non devono mai mancare a questi pazienti sono:

  • Vitamine del gruppo B: proteggono il sistema nervoso, rigenerano il cervello. Esse si trovano nei cereali e loro derivati, in quasi tutti i frutti e verdure, nei prodotti di origine animale.
  • Betacarotene: come già sappiamo ha una potente azione antiossidante, quindi protegge il nostro organismo dai radiacali liberi che danneggiano anche il cervello. Ne sono ricchi di betacarotene: carote, spinaci, cavolo a foglia e prezzemolo.
  • Acido pantotenico: esso favoriscve il funzionamento delle ghiandole surrenaliche e svolge un’azione antiansia; si trova principalmente nei broccoli e nel cavolo.
  • Vitamina C: ha azione antivirale, favorisce il funzionamento delle ghiandole surrenali e svolge un’azione antistress; essa si trova principalmente negli agrumi, nelle carote, negli spinaci, nel cavolo a foglia, nel prezzemolo, nei broccoli e nei peperoni.
  • Zinco: aiuta molto la memoria; si trova nell’aglio, prezzemolo e zenzero.


LASCIA UN COMMENTO