Il cervello e la memoria: Il Ginkgo Biloba

2554
0

Il cervello e la memoria: Ginkgo Biloba

Ginkgo Biloba

Il Ginkgo Biloba è una pianta originaria dell’estremo oriente. In Fitoterapia vengono utilizzate le foglie, che hanno una caratteristica forma a ventaglio e sono ricche di sostanze attive come aminoacidi, flavonoidi e derivati terpenici come la bilobalide, i ginkgolidi e i ginkgo-flavon-glucosidi.

Le proprietà farmacologiche di questi principi attivi, che hanno destato maggior interesse a livello scientifico, sono

  • azione a livello cardio-vascolare
  • attività sui sistemi di neurotrasmissione
  • effetto antiossidante che è in grado di contrastare in modo efficace l’azione dei radicali liberi sull’organismo dell’uomo

Per quanto riguarda l’azione della pianta sul sistema cardiovascolare , l‘estratto di ginkgo Biloba, è in grado di esercitare un’azione vasodilatatrice e di ridurre la viscosità del sangue con un’azione azione antiaggregante piastrinica, utilissima per prevenire la formazione di trombi.

Proprio per queste sue propriet, il ginkgo biloba viene sempre più spesso utilizzato in tutte quelle condizioni che danno luogo ad una riduzione delle capacità cognitive del cervello e quindi anche della memoria e dell’apprendimento, dovute a scarsa irrorazione sanguigna del cervello, che tra l’altro sono tipiche dell’invecchiamento cerebrale.

Azioni principali del Ginkgo Biloba

  • Vuoti di memoria e stress da esame o colloqui importanti di lavoro
  • Riduzione della memoria dovuti ad invecchiamento cerebrale
  • Ipercolesterolemia
  • Disturbi circolatori come la malattia di Raynaud e le vene varicose
  • Insufficeinza cerebrale negli anziani
  • Nell’asma
  • Nelle reazioni infiammatorie
  • Nelle allergie

Come assumere il Ginkgo Biloba

  • L’estratto standardizzato di Ginkgo Biloba assunto alla dose di 120-240 mg al giorno per sei o otto settimane, può migliorare alcuni parametri relativi alle funzioni cognitive
  • Se si prescrive la   Tintura Madre di Ginkgo Biloba si consiglia di assumere 20 gocce di T.M. diluite in poca acqua la mattina dopo colazione e 20 gocce dopo il pranzo.

Attenzione: Il medico deve essere sempre informato riguardo l’assunzione di integratori a base di Ginkgo Biloba, specialmente per i soggetti anziani e per i soggetti che sono in trattamento con farmaci anticoagulanti, aspirina, antiaggreganti piastrinici e alcuni diuretici. Inolotre ricordarsi sempre di sospendere il trattamento con il Ginkgo Biloba almeno trentasei ore prima di effettuare un eventuale intervento chirurgico.

LASCIA UN COMMENTO