Ipertensione arteriosa: scegliere bene cosa mangiare

785
0

Dieta Iposodica

Uno dei primi consigli per abbassare la pressione è ridurre la quantità di sale; il sodio infatti, è dimostrato, favorisce l’innalzamento dei valori pressori, quindi l’eccesso di sale è responsabile di 3 casi su 10 di ipertensione. Quando si parla di sale introdotto con l’alimentazione non si intende solo quello che si aggiunge consapevolmente ai piatti, ma anche e soprattutto, quello nascosto in molti alimenti. L’OMS raccomanda di non superare il limite massimo di due grammi totali di sodio al giorno, a fronte invece, di un consumo medio giornaliero che arriva fino a nove grammi.

Sbaglia, tra l’altro, chi afferma che senza sale non c’è gusto; con alcuni piccoli accorgimenti si può salvare salute e sapore.

Ma vediamo quali sono questi accorgimenti:

  • non portare a tavola il sale, per evitare la tentazione di aggiungerne altro
  • sostituire il sale normale con quello dietetico iposodico, povero quindi di sodio, ma ricchissimo di potassio.
  • per insaporire i cibi al posto del sale via libera alle spezie e aromi naturali, come per esempio la salvia, il rosmarino, la menta, la maggiorana, l’origano, il prezzemolo, il basilico, l’aglio, la cipolla, i semi di finocchio; in particolare l’aglio e la cipolla favoriscono l’eliminazione dei liquidi attraverso le urine (vedi articoli del blog) e abbassano i valori pressori.
  • controllare sempre l’etichetta dei cibi già confezionati, evitando quelli che hanno un contenuto di sodio superiore al 20%.
  • preferire salse e sughi preparati in casa in modo da avere il controllo della quantità di sale
  • evitare di mangiare le olive, patatine, noccioline ed altri spuntini di questo tipo
  • evitare di mangiare alimenti ricchi di sodio come provolone, grana, uova e carciofi

Molti pazienti mi chiedono se possono bere alcolici: uno o due bicchieri di vino al giorno fa bene, ma non di più. Il vino infatti è molto calorico e può incidere sul peso, ma non dimentichiamo anche, che il vino, soprattutto quello rosso, contiene flavonoidi, che sono degli antiossidanti molto efficaci ed hanno un’azione protettiva nei confronti delle cellule dei vasi. Inoltre il vino in modeste quantità può favorire la dilatazione dei vasi e quindi contribuisce ad abbassare la pressione esercitata dal sangue.

Importante è invece non fare mai mancare, in un’alimentazione corretta ed equilibrata, la frutta e la verdura. Infatti questi alimenti sono fonti preziose di sostanze indispensabili per l’organismo come per esempio le fibre che regolano il tasso di colesterolo cattivo nel sangue, le vitamine che sono degli antiossidanti naturali e i sali minerali. La vitamina A per esempio è contenuta nelle carote, nel radicchio, nelle albicocche e nei meloni, mentre la vitamina C è contenuta negli agrumi, nelle fragole, nei peperoni e nei pomodori. Tra i sali minerali, il potassio, che si trova nelle arance, nelle banane, nelle albicocche, nel radicchio, nelle patate e nei pomodori, è uno dei più importanti e deve essere inserito in una dieta anti-ipertensiva, in quanto aiuta l’organismo ad eliminare sodio ed inoltre, ricordiamoci che il potassio favorisce il mantenimento dell’elasticità delle pareti delle arterie e, nel caso di soggetti ipertesi, che seguono una terapia farmacologica a base di diuretici, aiuta l’organismo a mantenere l’equilibrio dei sali minerali che questi farmaci tendono ad alterare.

LASCIA UN COMMENTO