La calvizie ed i trapianti di capelli parte 3^

869
0
La calvizie ed i trapianti di capelli

La calvizie

I trapianti di capelli

Dopo che gli innesti sono stati prelevati e frazionati (vedi articolo precedente)  sono pronti per essere trapiantati nella zona del cuoio capelluto in cui è presente la calvizie. Generalmente nelle zone che interessano la fronte sono impiantati degli innesti monobulbari, tale zona infatti è più esposta esteticamente e deve essere trattata cion molta attenzione, pertanto per impiantare i bulbi sono necessatie più sedute, dove ogni volta vengono impiantati da 3.000  a 3.500 bulbi;  invece per la parte centrale si usano degli innesti da 3 o 4 bulbi. L’impianto degli innesti viene effettuato attraverso delle piccole incisioni effettuate da uno ago speciale  o bisturi,che arrivano ad una profondità di 4-5 millimetri e che sono equidistati tra loro a non più di 2-3 millimetri. L’impianto dei bulbi deve  essere effettuato con molta attenzione e agendo anche nelle zone adiacenti al trapianto, questo perchè qualora i capelli di queste dovessero cadere sarebbero subito sostituiti dagli innesti.

La durata dell’intervento di trapianto di capelli è direttamente proporzionale al grado di calvizie che il soggetto presenta e quindi dal numero di innesti da impiantare , ma diciamo che in genere il tempo va dalle 3 alle 5 ore. Subito dopo l’intervento il paziente deve mettere un benda elasticizzata attorno alla nuca per dare una compressione nella zona della nuca dove è avvenuto il prelievo. Se un trapianto di capelli è eseguito in modo corretto, il soggetto li potrà lavare già dal giorno successivo all’ impianto.

Per quanto riguarda i punti di sutura della zona in cui è stato prelevata la striscia di cuoio capelluto (nuca), si riassorbono da soli, come anche le piccole crosticine, che si osservano nei punti di impianto cadranno spontaneamente. Dopo l’intervento non bisogna fare delle medicazioni ed il paziente già dall’indomani può tornare tranquillamente a svolgere la sua attività di lavoro. La crescita dei capelli trapiantati può iniziare dopo alcuni mesi o dopo circa 2-3 settimane. Un eventuale ulteriore rinfoltimento con altri innesti, quindi con un altro intervento,  potrà essere effettuato  solo dopo 4 mesi e non prima.

Attenzione: sono esclusi dal trapianto di capelli quei soggetti che presentano una calvizie che ha raggiunto lo stadio 6° e 7° della classificazione di Norwood, quindi quando la clavizie è molto grave e quindio molto estesa. E’ giusto anche dire che è meglio eseguire il trapianto di capelli in soggetti che abbiano superato i 25-26 anni di età, in quanto la calvizie risulta essersi stabilizzata.

LASCIA UN COMMENTO