La Fitoterapia e la cura di alcune patologie: capelli, cefalea

778
0
La Fitoterapia e la cura di alcune patologie: capelli, cefalea
La Fitoterapia e la cura di alcune patologie: capelli, cefalea

Fitoterapia

La cura di alcune patologie

Alterazioni dei capelli

Con i prodotti di seguito proposti viene suggerito il trattamento sintomatico della fragilità e della caduta dei capelli. E’ logico che l’individuazione di una causa precisa orienterà verso trattamenti naturali più specifici.

  • Urtica diodica: si consiglia di assumere 40 gocce di tintura madre diluite in poca acqua 3 volte al giorno. L’ortica è un’erba ricca di ferro e silicio
  • Equisetum arvense: si consiglia di assuemere 1 perla 3 volte al giorno. L’elevato contenuto in acido silicico conferisce alla coda cavallina proprietà rimineralizzanti utili per il cuoio capelluto. E’ consigliato di ripetere il tarttamento a cicli di venti giorni all mese.
  • Medicago sativa: si consiglia di assuemere 30-40 gocce di tintura madre diluite in poca acqua 3 volte al giorno. Questo prodotto naturale fornisce all’organismo elementi importanti come il calcio, il ferro, il fosforo, il rame, il selenio, lo zinco, aminoacidi e le vitamine a e K. E’ indicato principalmente nella fragilità e nella caduta dei capelli dovuti ad anemia

Cefalea Muscolotensiva

La cefalea muscolotensiva è detta anche cefalea nucale o posteriore ed è causata da un’eccessiva tensione dei muscoli del viso e del collo. Ha carattere gravativo e diffuso con particolare localizzazione a livello della regione occipitale della testa. Spesso presenta una lunga durata con periodiche esacerbazioni, soprattutto in relazione allo stress, mutamenti atmosferici e clima freddo-umido.

  • Harpagophytum procubens: si consiglia di assumere 1 perla 3 volte al giorno per cicli di 20 giorni al mese. L’artiglio del diavolo è indicato per la sua azione antinfiammatoria ed analgesica, nella cefalea muscolotensiva secondaria ad artrosi cervicale
  • Medicago sativa: si consiglia di assumere 30-40 gocce di tintura madre diluite in poca acqua 3 volte al giorno, preferibilente 15 minuti prima dei pasti.

Cefalea vasomotoria

La cefalea vasomotoria è detta anche cefalea fronto- temporale o anteriore. Essa si manifesta con crisi dolorose violente e periodiche, talvolta precedute da sintomi premonitori (prodromi) ed accompagnate da fenomeni digestivi, neurovegetativi e vascolari. La varietà più comune è l’emicrania

  • Fumaria officinalis: si consiglia di assumere 30.40 gocce di tintura madre diluite in poca acqua 3 volte al giorno, preferibilmente un pò prima dei pasti. La fumaria è indicata nell’emicrania scatenata da disturbi digestivi o associata a turbe dispeptiche. Eseguire cicli di 20 giorni al mese per almeno 3 mesi consecutivi
  • Tanacetum parthenium: si conmsiglia di assumere 30-40 gocce di tintura madre diluite in poca acqua 2 volte al giorno, 15 minuti prima di colazione e cena. Questo fitocomplessoè specifico nel trattamento dell’emicrania. E’ consigliato eseguire cicli di terapia di 20 giorni al mese per almeno 3 mesi consecutivi

Attenzione: Prima di assumere i prodotti naturali, bisogna sempre avvisare il medico e mai agire di testa propria. I prodotti naturali sono senz’altro utili, ma non possono assolutamente sostituire i farmaci allopatici che in alcune gravi patologie devono essere considerati farmaci di prima scelta per la terapia.


LASCIA UN COMMENTO