La insulina: Approfondimenti parte 2

798
0

La insulina: Approfondimenti

Insulina

Come si fa un’iniezione di insulina

  • Verificare che non ci siano bolle d’aria nella tosse da iniettare
  • Prima di ogni iniezione far uscire una o due gocce di insulina dall’ago
  • Pizzicare la pelle prima dell’iniezione
  • Contare fino a 10 in modo che il liquido possa espandersi lentamente nel tessuto
  • Un piccolo arrossamento della pelle o un leggero ematoma non devono assolutamente preoccupare
  • Non fare l’iniezione di insulina sopra o lateralmente ad una cicatrice
  • Cambiare sempre il punto in cui si pratica l’iniezione

Una terapia con insulina non può essere iniziata senza un’adeguata preparazione

Raccomandazioni:

La terapia con insulina standard rappresenta un sistema di regolazione della glicemia, basata sulla quantità di insulina in correlazione con i carboidrati ingeriti.

Saltare un pasto sarebbe quindi un errore. Se si verifica una situazione per cui non vi è possibile consumare un pasto come dovuto, mangiare comunque qualcosa che vi consenta di ingerire la stessa quantità di carboidrati.

Se non si ha fame, ingerire la stessa quantità bevendo dei liquidi.

Nei casi di infezione o di febbre, la glicemia tende ad aumentare, anche se si riduce l’alimentazione. In questi casi quindi la dose di insulina iniettata si rivela insufficiente a stimolare l’utilizzo del glucosio da parte dell’organismo.

Sarà meglio, allora, misurare la glicemia prima di ogni pasto e utilizzare la dose di insulina ad azione rapida prima di mangiare.

È logico, in questi casi, quando vi sia qualche dubbio, consultare il proprio diabetologo.

Lo stress, un’infezione accompagnata da febbre, un intervento chirurgico indeboliscono l’organismo e possono far aumentare il tasso di glicemia nel sangue.

Anche in questo caso chiedere al diabetologo se si vede aumentare la dose di insulina.

Se invece non si riesce a mangiare o comunque non sia assolutamente fame, la dose di insulina deve essere diminuita per evitare il rischio di crisi ipoglicemiche.

Se la condizione generale di un paziente cambia, per esempio se ci sono variazioni di peso, e così pure cambiano le abitudini alimentari e l’attività fisica, sicuramente dovrà essere riadattato anche il dosaggio dell’insulina pertanto è sempre buona norma rivolgersi al diabetologo.

Leggi l’e-book gratuito che ho scritto per avere maggiori informazioni sul Protocollo Terapeutico prevenzione e cura delle varici e delle gambe stanche

Bene  per questo articolo è tutto

Se vuoi lasciare un commento puoi liberamente farlo scrivendo nel Form che ti appare alla fine dell’articolo, oppure scrivi a

info@crescita-e-formazione.com

eupliorascuna@gmail.com

Un cordiale saluto

Salute e Benessere con le erbe medicinali

LASCIA UN COMMENTO