La stipsi di chi viaggia e i cibi che aiutano

544
0
Stipsi in viaggio

Ma vediamo passo passo cosa bisogna fare nel caso in cui quando si è fuori si presenta la Stipsi:

  • alcuni giorni prima della partenza aumentare l’apporto di fibre con le macedonie ed i semi e i frullati
  • quando si è in viaggio evitare assolutamente i “fast food” che offrono cibo ipercalorico e quindio povero di fibre, optare invece per degli spuntini a base di pane integrale, frutta e verdura ed ogni due o tre ore masticare un paio di mandorle e bere almeno due litri di acqua al giorno
  • quando si arriva a destinazione non saltare assolutamente i pasti e bere acqua
  • se si cambia il fuso orario evitare i pasti abbondanti in quanto si affaticherebbe la digestione favorendo sicuramente la stipsi
  • durante il periodo di permanenza evita gli alcolici in quanto questi privano le feci dell’acqua rendendo difficoltosa l’evacuazione
  • non prendere lassativi in quanto questi potrebbero aggravare la situazione agendo con effetto irritante sulla mucosa intestinale.

Nei giorni che precedono la partenza  preparare un frullato a base di mele e semi di lino per regolarizzare e pulire l’intestino:

Ingredienti:

  • 2 fette di mela rossa con la buccia
  • 2 fette di mela gialla con la buccia
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1 cucchiaio di semi di lino

Procedimento:

  • mettere i semi di lino in un bicchiere di acqua calda e lasciare riposare per 15 minuti
  • filtrare il liquido e metterlo nel bicchiere del frullatore
  • unire le mele tagliate a tocchetti e con la buccia
  • frullare fino a quando non si ottiene un composto abbastanza omogeneo
  • bere subito per evitare l’ossidazione del frullato.

Questo frullato è un ottimo rimedio per l’azione dei suoi componenti:

  • le mele e soprattutto le loro bucce sono ricche di pectine, fibre solubili che attivano il colon senza arrecare danno alla mucosa intestinale.
  • i semi di lino messi in ammollo nell’acqua rilasciano le loro mucillagini, fibre solubili molto delicate e quindi ottime per la mucosa dell’inetestino


LASCIA UN COMMENTO