La Stipsi: erbe medicinali ed integratori

772
0

Stipsi: Carvi

Erbe medicinali

  • Liquerizia: la sua radice è digestiva ed antinfiammatoria della mucosa gastrica, azione quest’ultima, dovuta all’acido glicirretico e ai flavonoidi che sono in essa contenuti. La liquerizia è quindi utilizzata in caso di gastrite e, per le sue proprietà leggermente lassative, anche nel caso in cui sia presente stipsi.
  • Malva: questo rimedio dolce è utilizzato soprattutto per le sue proprietà lassative, disinfiammanti ed emollienti: la malva stimola infatti la peristalsi intestinale, ma senza irritare la mucosa intestinale.
  • Carvi: è una pianta i cui semi vengono utilizzati  nelle coliti e nei gonfiori addominali; è un utile rimedio in caso di stipsi ed è anche  utilie in quanto contrasta le fermentazioni intestinali che possono aggravare lil quadro clinico della stipsi.

Queste tre erbe possono essre utilizzate in un mix molto utilizzato per i suoi effetti benefici: ma vediamo insieme come prepararlo.

  • mettere in un sacchetto di tela 20 gr per ogni tipo di pianta di cui sopra e mescolare bene
  • dopo avere ottenuto un prodotto ben miscelato, prendere due cucchiaini e metterli in una tazza da tè in cui ci sia acqua ben calda, ma che però non sia bollente
  • lasciare in infusione per 10-15 minuti
  • filtrare bene e bere subito

Assumere una tazza la mattina a digiuno ed una la sera prima di andare a letto. Questa miscela di erbe è molto utile quando la stipsi è un sintomo della colite.

Integratori

  • Sali di Epsom: sono costituiti da solfato di magnesio, che a temperatura ambiente si presenta sotto forma di cristalli bianchi ed inodori. Il loro deriva dalla città di Epsom, che si trova in Inghileterra, dove per la prima volta furono estratti dall’acqua minerale  bollita per lungo tempo. Questi sali se presi la mattina a digiuno hanno un effetto lassativo molto rapido, pertanto essi non vanno assunti per periodi molto lunghi, sia per la loro azione irritante, sia per evitare che il colon, eccessivamente stimolato, perda la sua naturale funzione. La loro azione impedisce alle feci di solidificarsi e stimola il movimento delle pareti del colon. I sali di Epsom hanno anche un effetto depurativo sul fegato e la cistifellea.  Assumere mezzo o un cucchiaiodi sali in una tazza abbondante di acqua tiepida la mattina a digiuno.
  • Fibra d’avena: è estratta dall’Avena sativa ed è una fibra idrosolubile che nutre la microflora intestinale. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che l’introduzione regolare di fibra d’avena nella dieta aiuta a mantenere costanti i livelli di insulina e degli zuccheri nel sangue. Questa fibra inoltre riesce ad aumentare la massa fecale con conseguente benefico al colon, infatti una maggiore funzionalità del tratto intestinale, consente una migliore eliminazione di scorie e tossine ed una conseguente riduzione del peso corporeo. Assumere 2-4 tavolette da 3 gr ognuna al giorno con abbondante acqua, preferibilmente ai pasti principali. Per potenziare l’efficacia assumere le tavolette con bevendo una tazza di infuso di avena senza dolcificare. (per la preparazione dell’infuso vedi sopra).

Attenzione: prima di assumere un prodotto naturale consultare il medico

LASCIA UN COMMENTO